Il progetto

Nella Laguna di Venezia c’è una piccola isola pronta a trasformarsi in un grande progetto.

Arte, storia, natura ed intrattenimento potranno finalmente convivere in un’unica realtà, offrendo a chi vorrà conoscerla la chiave per comprendere l’essenza di un territorio unico e magico.

Non si tratta di un museo, e nemmeno di un parco divertimenti o di uno show room della città, ma piuttosto di un laboratorio multimediale a cielo aperto, un polo culturale per il recupero della storia e della cultura lagunare, dove le antiche tradizioni diventano il mezzo per imparare divertendosi. Un territorio di 40.000 mq finora usato come discarica, al centro della Laguna Veneta e a pochi minuti da Venezia, raggiungibile dai mezzi pubblici e pensato per tutti: per i bambini e le scuole, che grazie alle attività didattiche potranno imparare e appassionarsi della storia locale, per le famiglie in vacanza, o semplicemente per chi vorrà vivere un’esperienza formativa e divertente al tempo stesso. Dall’esplorazione dell’ecosistema grazie alla ricostruzione di antiche barene, alle animazioni al computer che consentiranno di immergersi in un’esperienza 4d in grado di far rivivere le antiche battaglie che hanno visto Venezia protagonista, o gli spettacoli che riproducono l’atmosfera del Carnevale veneziano. Mega schermi, touchscreen e tecnologie alimentate da fonti ecosostenibili renderanno l’esperienza entusiasmante e formativa, in linea con un progetto serio e strutturato, realizzato dall’azienda Zamperla (leader mondiale del settore) con la consulenza scientifica dell’Università Cà Foscari per la progettazione degli allestimenti e della direzione scientifica. Spettacoli, eventi, aule didattiche, ma anche divertimenti e una innovativa ruota panoramica, progettata con tecnologie all’avanguardia che la rendono pressoché invisibile eliminando totalmente il pericolo di impatto ambientale. Sarà data in più una particolare attenzione all’attività didattica e al mondo della scuola, riservando un ampio spazio dedicato ai bambini e alle scolaresche che si chiamerà “Energie in gioco”, finalizzato alla stimolazione consapevole sul tema dell’ecosostenibilità e sull’uso delle fonti energetiche. Attraverso strumenti specifici, megaschermi e touchscreen, i più piccoli potranno divertirsi ad assemblare e far funzionare sistemi energetici alternativi. Un’occasione unica per offrire a Venezia una nuova opportunità che la proietti nel futuro partendo dalla conoscenza del suo passato.

Sfoglia la brochure del progetto

I Plus
  • Un’occasione per raccontare la storia di Venezia e della laguna;
  • Una hub che funge da nodo di segnalazione e indirizzamento ai luoghi culturali e agli eventi della città;
  • Il recupero di un’isola di 4 ettari degradati e restituiti
  • Circa 80 milioni di euro da investire sul territorio;
  • Circa 500 posti di lavoro diretti tra fissi e stagionali;
  • Una prestigiosa vetrina a disposizione delle eccellenze del manifatturiero Veneto;
  • Un trigger di lavoro in rete tra imprese locali, enti ed istituzioni;
  • Una nuova location per eventi, mostre, festival, ecc;
  • Un’occasione in più per protrarre il soggiorno dei turisti a Venezia;
  • Un luogo che Venezia farà suo.

Dove si trova Sacca San Biagio
Dogesviluppo_MappaSaccaSanBiagio

L’ Isola San Biagio

Sacca San Biagio, è una piccola isola artificiale di recente formazione. Grande poco più di quattro ettari, come le altre sacche fu realizzata tra gli anni trenta e gli anni cinquanta del XX secolo, in seguito all’accumulo delle immondizie come discarica abusiva. Tra il 1973 e il 1985 ha ospitato un inceneritore ed era conosciuta come Ìxoła de łe Scoasse (isola della spazzatura). Si trova ad ovest dell’isola della Giudecca, e a sud del porto di Venezia, oltre il canale della Giudecca. La sua posizione la rende comoda alla terra ferma, ad una sola fermata dal Tronchetto e dal porto di San Basilio, ma allo stesso tempo risulta riparata e invisibile rispetto al centro di Venezia. Allo stato attuale il progetto Isola San Biagio è il solo che pensa ad un riutilizzo e rivalorizzazione, anche attraverso la creazioni di punti e realtà (il teatro, la marina, un percorso/passeggiata esterno) accessibili anche alla cittadinanza e non di esclusivo utilizzo del polo attrattivo che sorgerà.


Le aree tematiche

Dall’esplorazione dell’ecosistema grazie alla ricostruzione di antiche barene, alle animazioni al computer che consentiranno di immergersi in un’esperienza 4d in grado di far rivivere le antiche battaglie che hanno visto Venezia protagonista, o gli spettacoli che riproducono l’atmosfera del Carnevale veneziano.

DogeSviluppo_AreeTematiche01
Ambiente lagunare originario
La storia della “Serenissima”
I fasti del carnevale Veneziano
Percorso perimetrale

Doge Sviluppo Ambiente Lagunare

Ambiente lagunare originario

Quest’area avrà il suo punto forte nella ricostruzione dell’ambiente lagunare e delle barene, importantissimo elemento dell’ecosistema lagunare. Per far conoscere la vita sottomarina della laguna, ricchissima e in continuo mutamento, un percorso trasparente appositamente realizzato permetterà di vedere i fondali, la flora e la fauna tipici, mentre i casoni di pesca saranno ricostruiti nelle forme e materiali tradizionali, ospitando spazi espositivi e didattici collegati alla pesca, all’artigianato e alla vita domestica locale.


Doge Sviluppo Storia Serenissima

La storia della “Serenissima”

Tra i tanti momenti che hanno caratterizzato la storia di Venezia, la battaglia di Lepanto è sicuramente uno dei più significativi. Da qui la possibilità di riviverla nei momenti più salienti, riproponendola all’interno di un bacino d’ acqua con fedeli ricostruzioni delle imbarcazioni (galere) dell’epoca. Una barca mobile permetterà inoltre di attraversare il bacino potendo rivivere, attraverso un’animazione al computer, una scena della celebre battaglia vista attraverso una falla, e analizzando nel dettaglio il relitto marino presente.


Doge Sviluppo Carnevale

I fasti del carnevale Veneziano

Venezia e il suo Carnevale sono un binomio indissolubile. Per permettere a tutti di viverlo in ogni momento dell’anno, si riporteranno in scena animazioni e rappresentazioni tipiche di questa ricorrenza, protagoniste in un ambiente ricreato che faranno rivivere l’atmosfera del Carnevale. L’area interessata è un grande palcoscenico all’aperto dedicato a spettacoli, concerti e rappresentazioni; Non mancherà un teatro che si integrerà perfettamente con la città e che sarà a disposizione della stessa grazie ad un accesso indipendente del parco e rendendolo sfruttabile anche per eventi organizzati da altri Enti locali (Comune, Università, Biennale…)


Doge Sviluppo Area Didattica

Spazi ludico-didadittici:

In un progetto come quello di Isola San Biagio grande attenzione viene riservata alla didattica e alle scuole. Nel nuovo Polo uno spazio chiamato “Energie in gioco” è finalizzato alla sensibilizzazione rispetto al tema dell’ecosostenibilità nell’uso delle fonti energetiche. Attraverso strumenti specifici e megaschermi touchscreen, i più piccoli potranno divertirsi ad assemblare e far funzionare sistemi energetici alternativi, in un contesto pensato per offrire una grande opportunità per la loro crescita.